Visite in studio 

Informazioni mediche

Prima visita

La prima visita di solito dura un’ora, ma il tempo può variare in base al paziente che ho di fronte. In questo tempo si svolgerà un’attenta anamnesi e la raccolta dei dati antropometrici e la bioimpedenziometria
Una volta presi ed elaborati e parametri mi dedicherò alla stesura del piano con la consegna della dieta personalizzata.

Controlli

Durante i controlli, che hanno la durata di 30 minuti, vengono ripresi tutti i dati antropometrici per valutare l’andamento della dieta e dello stato di salute. Il tempo che intercorre tra i vari controlli dipende dalla situazione iniziale e dal paziente. Solitamente viene fissato ogni 3-4 settimane ed è fondamentale ai fini della riuscita del percorso inquanto vengono apportate evenuali modifiche in itinere.

Mantenimento

A fine del nostro percorso, ci sarà un periodo di mantenimento elaborato dal nutrizionista con l’aiuto del paziente, in modo tale da renderlo indipendente e mantenere i risultati della dieta nel tempo. L’obiettivo è riuscire a rendere autonomo il singolo per portarsi dentro tutte le buone abitudini ed il nuovo e sano stile di vita introiettato durante i vari controlli.

Prima visita

Nella prima visita verranno approfondite varie tematiche ed eseguite diverse metodologie di  indagine non invasive con il paziente.

Anamnesi fisiologica


All’inizio di una visita viene sempre fatta un’anamnesi approfondita del paziente. In particolare verrà posta l’attenzione sul suo stato di salute attuale e remoto, la predisposizione familiare di determinate patologie e le eventuali terapie farmacologiche o integrative adottate.

Per questo è molto importante munirsi di diagnosi mediche per poter far avere al nutrizionista un quadro quanto più chiaro possibile della situazione di partenza. E’ necessario richiedere ulteriori analisi? In questo caso consiglio di riferirsi al proprio medico di base e procedere con le indagini.

Anamnesi alimentare:


Non meno importante è riuscire ad identificare le abitudini e le preferenze alimentare di ogni singolo paziente. Questo per due motivi:
1. Per identificare gli eventuali “errori” e abitudini che potrebbero concorrere allo stato iniziale della problematica o della proposta richiesta;
2. Per poter costruire un protocollo dietetico “cucito su misura del paziente” che tenga in considerazione le sue preferenze alimentari.

Rivelazione delle misure antropometriche:


Successivamente tramite la valutazione delle misure antropometriche si può intravedere il quadro completo della situazione iniziale del paziente.
Vengono infatti prese la misurazione di peso, altezza, circonferenze corporee (polso, polpaccio, coscia, fianchi, vita, polso, braccio, torace e collo) e se necessario viene effettuata la plicometria.


Analisi bioimpedenziometrica:

L’analisi effettuata in studio tramite un BIOMPEDENZIOMETRO AKERN BIA 101, una delle migliori strumentazioni presenti sul campo validata negli anni.
La bioimpedenziometria ha come obiettivo principale quello di valutare lo stato nutrizionale del soggetto identificando la ripartizione del peso in muscolo, acqua e grasso corporeo.

 

Cosa più importante che viene analizzata dalla BIA è lo stato di idratazione che ci permette di vedere quanta acqua è presente nei liquidi extracellulari ed intracellulari per valutare la presenza di un’infiammazione, edema o disidratazione.
Inoltre valuta la massa magra e il grasso corporeo e stima il metabolismo basale e il fabbisogno energetico del soggetto.

 

L’analisi è molto semplice, veloce e non invasiva, dura qualche minuto.
Bisogna non aver svolto attività fisica nelle precedenti 48 ore e possibilmente non indossare oggetti metallici (bracciali, anelli ma anche protesi metalliche) negli arti superiori e inferiori e di avere la vescica non piena. 


Vengono applicati due elettrodi (1 sulla mano ed 1 sul piede) nella quale passa un impulso di corrente alternata di bassissima intensità (400μA) ed alta frequenza (50kHz), insensibile e innocua per l’organismo.

Il valore di impedenza ottenuto e le sue componenti (reattanza e resistenza) vengono elaborati dal software BODYGRAM-PRO e traslati su un grafico BIAVECTOR.

I risultati che usciranno dall’analisi bioimpedenziometrica vengono sempre spiegati e mostrati in studio, con le successive analisi verranno valutati i miglioramenti insieme al paziente in modo tale che possa essere partecipe dei miglioramenti del proprio corpo, anche se non visibili ad occhio.

Realizzazione del piano personalizzato:

Dopo aver raccolto le analisi necessarie verrà indicato il percorso più adeguato in base alle necessità del paziente e alla sua motivazione per

procedere con la stesura della dieta. La scrittura del piano varia in base al protocollo attuato e può variare anche il tempo di consegna.
Verrà mandata la dieta tramite mail (o se già pronta e progettata 
insieme al paziente in studio gli verrà stampata e direttamente consegnata) insieme ai valori antropometrici e al referto bioimpedenziometrico.