Mineralogramma
mineroalogramma.jpg

Il mineralogramma è un test per valutare la carenza o l’eccesso dei più importanti oligoelementi che si trovano nell’organismo e per controllare l’eventuale presenza di minerali tossici.

E’ uno screening che fornisce una lettura del deposito dei minerali essenziali alla salute umana, evidenziando alcuni metalli tossici ed alcuni elementi traccia che è possibile rilevare tramite un prelievo dei capelli.

I minerali essenziali sono alla base della nostra salute e sono fondamentali per il corretto funzionamento delle cellule, mentre l'assunzione dei metalli tossici, anche in piccole quantità, può portare a un'intossicazione cronica.

Possono essere analizzate sia un’analisi minerale del capello standard di 41 elementi sia un’analisi di 69 elementi in base alla necessità.


Per il prelievo è sufficiente tagliare alla radice 3-4 centimetri di capelli nella zona della nuca dove c’è una maggiore vascolarizzazione in modo da stimare i minerali circolanti nell’organismo negli ultimi 3-4 mesi; il campione viene successivamente inviato in laboratorio.

Il capello è un eccellente tessuto da biopsia: stabile e in grado di rilevare importanti informazioni dell’attività metabolica corporea a lungo termine. Inoltre, nel capello i livelli dei minerali sono circa 10 volte maggiori di quelli presenti nel sangue e ciò consente di ottenerne la determinazione con maggiore accuratezza e precisione.

 

Il capello, per di più, essendo un tessuto molle, permette una lettura dei livelli dei metalli tossici che sarebbero difficilmente rintracciabili nel sangue o nelle urine.

Il tempo di refertazione è di circa 10-15 giorni in base all’arrivo del campione in laboratorio.

La valutazione con il mineralogramma è particolarmente opportuna in queste circostanze:

  • Gravidanza (valutazione dell’esposizione ai metalli pesanti e ai loro antagonisti come calcio, ferro e selenio)

  • Allattamento (carenze nutrizionali) e prima infanzia

  • Astenia

  • Patologie immunitarie (malattie autoimmuni, deficit, ipersensibilità, ecc.)

  • Osteoporosi

  • Alterazioni endocrine e dismetaboliche

  • Alterazioni delle funzioni sessuali (infertilità)

  • Alterazioni della nutrizione (disbiosi croniche, malattie intestinali, bulimia, patologie tumorali)

  • Sovrappeso e ritenzione

  • Medicina di prevenzione
     

Quali sintomi possono indicarci la necessità di svolgere questo test?
L’accumulo o la carenza di metalli pesanti possono comportare dermatiti, stress, carenze vitaminiche, perdita di capelli.

Con il nutrizionista inoltre sarà compilata una scheda anamnestica con eventuali sintomatologie del paziente per poter monitorare nel tempo i cambiamenti apportati con il programma nutrizionale e integrativo svolto in studio dopo le analisi.

Servizi presenti in studio

Test per il benessere intestinale

Per richiedere informazioni

3662480818 

Dott.ssa Jessica Inserra

Via Mulini Militari,

100 Caserta 81100 (CE)